19 Settembre 2014, fra le macerie dell ospedale psichiatrico minorile.

Chiarugi Redemption Party , Volterra.
Dark Water di W. Salles , horror, USA , 2005 , col., 105’.

Chiarugi buona

Un ospedale psichiatrico per bambini divenuto sala prove e poi caduto in macerie, scena nostalgica, di 40enni ex alternativi, per ex band, ricordi lontani di party illegali. Sogni di rock & roll di provincia, e guai a chi ci sveglia. L’eco dei cccp sospinto con trasporto dal suo fedele estinto gruppo spalla, per i militanz e’ tempo di reunion. Gente in divisa fosforescente che parcheggia quelle trenta automobili della festa con ausilio di walkie talkie, camminano eretti solerti premurosi (volontari? ), portano su le scritte della crocerossa italiana. Il drive-in altrove, la sera prima. Per molti ma non per tutti.

Un film. Una storia che tende all’inevitabile, una giovane madre con dei trascorsi psichiatrici, che resiste, finche può, poi perde i nervi , la figlia, il capo, molla tutto e abbraccia un mostro bambino con la faccia di fango. Acqua sporca, il titolo, acqua che sa di cadavere, di citta, di adolescenza, di aborto. La nascita come un trauma , una madre che rinnega la figlia, ruggine di tubature sfondate, un amnesia violenta, reiterata dalla società come distanza etica fino all’isolamento più profondo, la resa muta dell’internato volontario.
20 macchine apprezzano in mezzo a silenziosi lampi notturni, la notte cupa del drive-in gelosia in versione riservata non una parola di troppo, non una battuta fuori luogo, “e tutti dentro le proprie auto mi raccomando che stasera va di scena la generosa dose di orrore quotidiano”.

Posted in Drive-in | Comments Off on 19 Settembre 2014, fra le macerie dell ospedale psichiatrico minorile.

23 Agosto 2014, Le Massif Central Carovane #5

États généraux du film documentaire , Lussas , Ardeche FRA.

3753_001
Le levé de drapeau papou filmé par un hotage
di Philippe Simon, Belgique 2001, COL, 44’
+
La bataille des Marolles
di Pierre Manuel & Jean-Jaques Peche, Belgique 1969, B&W, 60’

5*tappa, Lussas. Proiezione-off / improvvisata a chiusura di un festival del documentario internazionale . Viene presentato doc  sull’indipendenza delle popolazioni indigene della papuasia alla presenza del regista, trovato li per caso al festival (!!!!!) 20 minuti prima e Documentario sul 68 in un quartiere super popolare di bruxelles , Marolles appunto.
Il drive-in arriva per cena e in mezz’ora e’ tutto montato, al microfono di radio gelosia c’e gran voglia di raccontarsi, alla presenza del regista sul documentario della papuasia, mi sento di dover prendere il microfono e raccontare in pochi minuti dove e come nasce il drive in . Emozioni forti, un pubblico attento, da festival appunto , si gode una chiusura off del festival completamente inattesa, arrivano più d 20 automobili dalle stradine del festival giu vicino al cimitero sulla provinciale sotto un cielo stellato che sa di lavanda e timo. A fine proiezioni la gente e’ invitata a lasciare un contribuìto carburante e reagisce con insperata gratitudine (il bottino sarà di ben 30 EURO di spiccioli!!).
1000 emozioni e dunque tempo d rientrare .. presto un drivein nella tua città…

Posted in Drive-in | Comments Off on 23 Agosto 2014, Le Massif Central Carovane #5

22 Agosto 2014 , Movies Collection

Radio Suicide(FRA) + Drive-in Gelo(ITA)
PatroMale Festival, Saint Amis, Saint Etyenne FRA

blu_bikes_milan_1_1000537x402
Grazie al costante supporto economico degli amici nomadi de lavallette – pizza cradó(Ita+pol+bra+cro) e radiosuicide(fra) drivein gelosia compie il giro completo del massiccio centrale : 4* tappa saint amis , vicino Lyon , festa di paese patroMale festival e fa da tappeto visivo sui muri della casa dissindaco, si balla sulle onde dell’ enigmatica radiopirata(FRA) e si proietta fino a mattina un misto di video sperimentali lesbo.punk + street art by blu + frammenti di films perduti + scontri di piazza.

Posted in Drive-in | Comments Off on 22 Agosto 2014 , Movies Collection

20 Agosto 2014, Le Massif Central Carovane #3

Drive-in Gelo(ITA)
Goutailloux, Tarnac FRA

Under the skin di Jonathan Glazer , UK 2014, COL, 108’
+
Snowpiercer , Sud Corea+USA 2013, COL, 126’

under-the-skin-158487-a-1394623296-667-1000

3• report
..Tarnac drive in n 3 avvolto nel mistero uno schermo in mezzo al pascolo, 4 gradi, un grande fuoco x difendersi dal freddo del buon rum e accanto un gran cantiere . Cantiere multilingue fra belgi tedeschi e spagnoli(unico italiano , io, oramai mi ci sto abituando..). Quindi pubblico misto fra intellettuali rivoluzionari muratori e carpentieri compagni , anzi companiones (dalla germania gruppo di 30 carpentieri companiones in periodo di apprendistaggio itinerante) . Tutti la nel villaggio per ridare nuova vita a un progetto segnato da anni di repressione nera ma sempre vivo e attivo. Proiezione d under The skin sotto una pioggia fine e insistente ke pero nn scoraggia nessuno c’e chi si alcolizza dentro la sua auto chi denaro la sua tenda, circondati da una bruma d’umido impossibile non bere!
Per il secondo film tornano le stelle , tutti si riappacificano col prato e parte idibattito sul primo (under the skin) ke in molti non hanno tanto capito e che durerà fino alla colazione giu al cantiere del mattino seguente. Ma il film diceva qualcosa o era solo una fastidiosa perdita di tempo? La questione rimane tuttora aperta.

Posted in Drive-in | Comments Off on 20 Agosto 2014, Le Massif Central Carovane #3

11 Agosto 2014, Le Massif Central Carovane #2

Drive-in Gelo(ITA) + Pizza Cradò(BRA+ITA+CRO+POL) + Sing or Die Karaoke (FRA)
Marrou Squat, Montpellier, FRA

Rammbock di Marvin Kren, Germany 2010, HORROR, COL, 63’
rammbock

2• report
…campi d cespugli in fiore viola, spinosi, bruciati dal sole , canion e altipiani, un villaggio sperduto senza acqua ne luce occupato da10 anni in stato di semi abbandono.. Una stanza cucina col solaio vertigine smontato a meta c attendevA sopra all officina. Orti serre frutteti galline cani solitari e poi camiones bus abitati trattori 4×4 argani idraulici: Marrou , terra e pietre stasera tornerà alla vita x un film d zombi drivein n 2 scenari postatomici + karaoke no bar s alcool & shottini area ..
ruba quello ke vorresti trovare!

Posted in Drive-in | Comments Off on 11 Agosto 2014, Le Massif Central Carovane #2

08 Agosto 2014, Le Massif Central Carovane #1

Drive-in Gelo(ITA) + Pizza Cradò (BRA+ITA+CRO+POL+EIRE+FRA+SPA) + Trash Party ’80&’90
Le Puit Richard (La grand Combe, Ales, FRA)

The Rubber di Quentin Dupieux, France 2010 , COL, 85’
+
The conjuring di James Wan, HORROR, USA 2013, COL, 112’


rubber
1• report ..Forestieri nel Far west d camion ruggine e asfalto. mina du puit picard ieri sera primo drivein!!! 15 macchine , pizza super con shottini al lato e lucine rosse radioline a giro pattinatrici travestiti e divani…no soldi no bar tutti sbronzi Fine primo film e arriva tempesta la proiez s trasforma in festino trash nella casa ma sotto la pioggia battente e i lampi x i più coraggiosi comincia una seconda proiezione d film horror.. si salvi chi può! finisco Dentro fiorino scassato aperto dietro in allegra compagnia. Copertina sulle gambe e bicchiere d vodka buona . paura batte umido 5 a 2 😉

Posted in Drive-in | Comments Off on 08 Agosto 2014, Le Massif Central Carovane #1

26 Jul 2014, Movies Collection

Chiomonte , Val di Susa , Festa di chiusura del campeggio NOTAV .
NoTAV
Concerti rap (caserio mc etc.) , live performances e djset. Arriviamo in serata e proviamo il montaggio del nuovo schermo, Drivein prototipo : nuovo lo schermo autocostruito pochi giorni prima, nuovo il proiettore, gruppo elettrogeno indipendente, vecchie le batterie del furgone .. Esperienza di sottofondo visivo alla festa, vengono proiettati frammenti casuali d catastrofictions. Verso le una di notte si diffonde nel bosco la notizia di un fermato presso i cancelli del cantiere. In pochi minuti si crea un assembramento sul ponte di fronte, un centinaio di persone tavisate e determinate brulicano sul confine della zona rossa, dall’altra parte polizia schierata telecamere a infrarossi mezzi blindati anfibi idranti antisommossa. Si aprono le danze, nessuna notte deve passare tranquilla per questi colonizzatori, servi dello stato e inquinatori impuniti di ecosistemi ribelli, piovono lanci di sassi e bottiglie tanto per tenerli svegli a cui questi rispondono con spruzzi di idrante, spari di lacrimogeno ad altezza uomo illuminano la notte umida alpina, rendendo l aria tersa irrespirabile per pochi minuti appena. Nessun pericolo per la gente del campeggio che si tiene ben al coperto dall eventualità di queste pericolose bravate autorizzate. L’esercito staziona, rimane la ,solo, odiato, ingabbiato in mezzo al bosco alpino buio e ostile, centinaia di uomini in divisa che quando alla mattina staccheranno dal turno e torneranno ai rispettivi motel verranno pure li svegliati e odiati e insultati da una valle che proprio non li vuole. Al campeggio intanto riprende la festa in allegria si accendono i falò per asciugarsi dai giochi d’acqua dell idrante, spuntano banchini delle autoproduzioni , tanti i libri e tante le storie. Lato drive-in intanto la proiezione muta va avanti come un piccolo ritrovo luminoso nel bosco fino alle 5 pm, avvolta dai rumori della festa, registriamo ancora piccoli problemi al trasmettitore FM , causa interferenze nella cabltaura, Drive-in gelo impara dai sui errori . Nel mentre si incontra persone si fantastica di spedizioni e trasmissioni pirata verso il Senegal (?!). Altro incontro importante di Chiomonte,col gruppo rebeldies (biblioteca anarchica, Cunueo) che affascinato dall idea DRIVEIN itinerante insinua nel nostro cervelletto piccolo e duro l’idea di possibili drive-in-prison di fronte al carcere. Divertente interazione coi detenuti o presidio anti carcerario? visione di b-movies nella periferia più zalla o luogo di incontro per amici o familiari dei detenuti o solidali? Film via etere come trasmissioni audiofoniche, drive-in come presidi sulle 4 ruote,mobili, non autorizzati ..
Chi vivrà vedra..

Posted in Drive-in | 1 Comment

27 giu 2014, Taxidermia di György Pálfi , France 2006, COL, 92’.

HacKiT.BO.2014, Fioravanti, Bologna
taxidermia
Torna dopo un anno di pausa, il drive-in, torna con le peggiori intenzioni più autonomo e itinerante che mai, torna eccessivo, come un incubo premonitore.
Viene messo in mezzo, fra dubbi e aspettative, l’odore dolce della DMT fumata, fra sogni e ricordi, esperienze antiche, la profondità di un mare calmo e violento, di festa in festa cresce la febbre.
Mutano le attrezzature, le sostanze, ospite cugino extention delle frangettestreme, bologna, bolognina, resuscitato come uno zombie dalle chetaminose esalazioni, 27 giu 2014 data di apertura dell hackmeeting2014. Schermo tenuto su da tubi innocenti conficcati in piloni di cemento, in uno scenario fatto di asfalto gru e tendine igloo decatlon abitate da nerd vestiti tutti uguali (di nero), cioè’ al fioravanti , prende vita fra interferenze e questioni psichedeliche la proiezione di taxidermia film surrealista sovietico bulimico splatter su sport e rivoluzione, inizio proiezione ore 1AM, materassi davanti allo schermo e via fino a mattina!
Il giorno dopo saturi dall esperienza di rivoluzione e bulimia , decisamente molesti riusciamo a procurarci una rissa sull autobus di linea bolognese con 4 controllori moralisti e ci trasciniamo ubriachi a contestare il gaypride più commerciale d’ italia ke mentre difende i diritti delle coppie di fatto sostiene chi sgombera e chi reprime in citta. Giu le mani da Atlantide, Atlantide non s tocca! Ci danno diritti, chiediamo polizia! Scontro, scontro, scontro, scontro…

Posted in Drive-in | Comments Off on 27 giu 2014, Taxidermia di György Pálfi , France 2006, COL, 92’.

mappa (postuma) del drivein #6

Livorno la ventosa ci accoglie per un drive-in crudo violento e interattivo. Periferia e cavalloni. Lo schermo viene issato su un mare in tempesta sotto un cielo indaco. Ma reggera ben poco.
La radio sibila al vento, una macchiana d’epoca gira insistentemente nel desertico parcheggio di corso italia. All’imbrunire il drivein lentamente si popola di una ventina di veicoli. Macchie cromatiche sull asfalto caldo. Chi porta coloratissime composizioni di cibo, chi si organizza per un graffito ke il vento non permettera di fare. Le zanzare del tramonto poi una fune tesa che si scioglie, la vela dello schermo schiatta giu in un boato, il rumore del naufrago. Poi le parole , tante parole per un ora e passa, scambio d’esperenze su sesso adolescente, colpo grosso e il porno VHS degli anni 80, storie di scambisti, lo scambista rocco tano e il suo avvio di carriera come porno star e poi ancora, l’erotismo delle parole , durante la conversazione un desiderio tutto mentale di scoprirsi spogliato a parole, nudo. Una telecamera ri-proietta sullo schermo cio che avviene nel furgone, dibattito, segreto, desiderante confronto.
La seconda vela ha retto, fermata con ogni mezzo al furgone. Sulla cornice dello schermo, il telaio semidistrutto dall’incidente di poco prima asimmetrico e sgangherato: pareva un disastro aereo.
L’inverno che arriva, la stagione che finisce. Livornesi in fuga ritrovati la, rifugiati lontano dai soliti posti, abituati a quel vento sedevano dentro e fuori le automobili, bevevano poco e fumavano tanto. Il pattinatore dell’ellera esibiva roller blade d annata e dispensava pop-corn piu carichi d’olio del solito. Il lavavetri faceva della precisione la sua arma prediletta e scambiava la sua arte per du pei e na biretta. Cosi e’ arrivata la notte fonta, e cosi fonda che a sprofondato la luna in un pozzo buio e a aperto le catinelle di cielo oceano. Il film, quello li dai culi magri e bianchi e’ gia finito da un pezzo , la radio accompagna, accoglie quel ventoso raduno. Un rap fuori syncro sembra provenire dal furgone dello schermo ma non c’e’ piu tempo. Ore 02:00 am , piove. L’acqua comincia a cadere giu a sacchettate. Lava via tutto, i nostri eroi rimontano sul furgone in 4 e si spostano poco piu giu, sul lungo mare, a guardare spiovere dal divanetto. E’ finita. Il finestrino che gocciola, la luna che illumina il mare laggiu verso la corsica: la torre illuminata di un cargo pare quasi terra ferma.

Posted in Drive-in | Comments Off on mappa (postuma) del drivein #6

26.09 drive in #6. Back to Italia – the next seat

Manca Money
In un’orgia letteraria si invita il drive in alla proiezione di porno censurati in una Livorno autorizzata.
La direzione del drive in porta nel parcheggio una videocassetta porno…. Eh eh eh vi garberebbe!! Sarà per la prossima volta…però portate le pennine che vi si copiano porno d’autore.

Programma FIPILI:
dalle ore 19.00 fino a notte fonda
– Presentazione di libri/dibattito sul corpo nella società e nella filosofia e porno logia
– Proiezione del film je t’aime moi non plus (fra.1976 90′, Serge Gainsbourg, genere erotico)
– street graffiti live performance (karpa, ITA)

orgasmi liberi orgasmi ora
questa è la fine

In caso di maltempo la proiezione avrà comunque luogo.

In caso di disastro “motorologico” il film potrebbe subire delle variazioni.

Posted in Drive-in | 2 Comments